Prenotazioni 800-098543Centralino 0105551

vai alla pagina twittervai alla pagina facebookvai al canale youtube

              Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

radiologia universitaria 1

Direttore: in via di individuazione

Dirigenti medici: Borgiani Gian Michele, Casiglia Massimo, De Cicco Enzo, Giannoni Massimo, Muda Alessandro

Descrizione dell’attività
L’Unità Operativa svolge prevalentemente attività di radiologia muscolo-scheletrica. L’interesse in tale settore della diagnostica per immagini è focalizzato sulle malattie reumatiche degenerative, il cui impatto sociale, in costante aumento e causa di alterazioni altamente invalidanti, correlato all’importanza di una diagnosi precoce, ha reso necessaria l’istituzione di un “Centro di Ricerca di Diagnostica per Immagini delle Artropatie”. È risultato così possibile definire importanti aspet­ti iniziali di malattia quali l’interessa­mento sinoviale, la formazione del panno sinoviale, il coinvolgimento della cartilagine articolare e la comparsa di microerosioni. La definizione degli aspetti più precoci di malattia è stata possibile grazie al ricorso ad indagini quali l’ecografia e, soprattutto, la  Risonanza Magnetica (RM), che consente una valutazione dinamica e della funzionalità delle singole articolazioni colpite dalla malattia reumatica. La realizzazione tecnica dello studio seriato, condotto con apparecchiature “dedicate” a basso campo, ha imposto la preliminare messa a punto di specifiche sequenze in grado di generare un rapporto segnale/rumore favorevole e consentire una adeguata risoluzione anatomica. Queste ricerche hanno avuto ripercussioni sia in campo clinico che terapeutico grazie alla formulazione di pa­rametri di valutazione (grado di iperemia e qualità dei flussi) delle fasi di attività e di quiescenza delle patologie infiammatorie croniche articolari. Lo sviluppo di tali tecniche di studio ha reso necessario il ricorso mirato alle tecniche Doppler e all’uso routinario di MdC ecografici e paramagnetici.

Altro campo di interesse diagnostico e terapeutico è rappresentato dalle lesioni muscolotendinee acute che rappresentano gli eventi patologici di più frequente riscontro in corso di attività sportive. Secondarie ad un gesto atletico prolungato e di elevata intensità o a sollecitazioni microtraumatiche ripetute e ravvicinate nel tempo, richiedono una attenta valutazione clinica e strumentale che non può prescindere da una rigorosa conoscenza dell’anatomia. Fondamentale risulta il ricorso alla diagnostica per immagini che consente di definire analiticamente l’entità del danno. Relativamente alla componente muscolare, l’architettura strutturale interna può essere evidenziata all’esame ecografico, che consente altresì una valutazione dinamico-funzionale con il ricorso a manovre mirate, quali il trascinamento della sonda in compressione o la contrazione muscolare attiva. L’avvento di sempre più sofisticate tecnologie ed il ricorso a tecniche complementari quali la tecnologia Doppler hanno reso l’ecografia la tecnica di elezione nello studio di tale distretto anatomico. In questo campo, anche se considerata indagine da eseguirsi preferibilmente dopo una adeguata valutazione ecografica, la RM fornisce tutti i rilievi indispensabili per riconoscere e descrivere sede/estensione e rapporti della lesione.  

Discorso sostanzialmente sovrapponibile a quanto detto per i muscoli va fatto anche per i tendiniil cui studio trova nell’ecografia, per la possibilità di effettuare una analisi dettagliata della morfologia e della struttura tendinea, la tecnica di elezione. Merita tuttavia ampia considerazione anche la RM per la significativa sensibilità nel contribuire al corretto inquadramento dei pazienti con lesioni a carico di tale distretto anatomico.

Anche per la Medicina Sportiva esiste, come in campo reumatologico, un possibile avanzamento diagnostico, sia sul versante ecografico che RM in grado di consentire una migliore valutazione clinica e funzionale ed una più accurata definizione dei tempi di ricupero, parametro di assoluta importanza specie nei pazienti praticanti attività agonistica.

Attività ambulatoriale di diagnostica per immagini
Coordinatore tecnico: Buconte Gerolama   gerolama.buconte@hsanmartino.it
Sede: Padiglione 12, fondi
Contatti: tel. 010/555 3169
Modalità di accesso all’attività ambulatoriali
L’accesso all’attività ambulatoriale avviene con prenotazione tramite CUP

Interessi di ricerca

Osteoporosi
Il progetto, avviato nel 2003 con l’individuazione, in collaborazione con i Gruppi Regionali della Società Italiana di Radiologia, di 200 radiologi interessati a tale tematica, è proseguito nel 2004 con incontri dedicati: si sono definiti parametri importanti quali le indicazioni clinico-radiologiche della morfometria vertebrale, la corretta tecnica di esecuzione e la proposta di un modello comune di refertazione. A questo primo momento ha fatto seguito un secondoimportante stepbasato sull’acquisizione di pazienti a cui effettuare la Morfometria vertebrale con promozione di mini-incontri con i Medici di Medicina Generale per presentare il ruolo dell’imaging nello studio del paziente osteoporotico e delle sequele. E’ previsto inoltre l’inizio di un secondo studio a carattere nazionale  rivolto alla valutazione della massa ossea nei bambini e negli adolescenti italiani, che sarà svolto in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Radiologiche dell’Università “ La Sapienza” di Roma, la Divisione di Pediatria dell’Università degli Studi di Pisa, l’Istituto Auxologico di Milano, l’Istituto di Clinica Pediatrica dell’Università “La Sapienza” di Roma. Obiettivo principale dello studio, basato sull’analisi di 2000 soggetti sani di età compresa tra 4 e 21 anni della durata di 24 mesi, è costruire una curva di riferimento pediatrica della densità minerale ossea italiana al fine di studiare i fattori individuali o ambientali che possono influenzare il grado di mineralizzazione scheletrica durante la crescita, utili per la prevenzione primaria dell’osteoporosi.

Additional Info

  • denominazione: radiologia universitaria 1
  • responsabile: ---
  • dirigenti medici: Borgiani Gian Michele, Casiglia Massimo, De Cicco Enzo, Giannoni Massimo, Muda Alessandro

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.
Modulo informativo EU Cookie Directive